Siamo in sala d’ attesa ? ( 2018 )

Siamo in sala d’aspetto?

Stiamo ormai per finire questo tempo pasquale e siamo in attesa di tante grazie dal Signore.

La Cresima dei nostri ragazzi di domenica prossima, che porterà a tutta la comunità infiniti doni, la celebrazione della solennità della Pentecoste, la Messa di prima comunione proprio nel giorno della festa della Trinità, la processione Mariana…. sono momenti forti per tutti noi.

Il Vangelo di ieri già ci invitava a preparaci perché il Signore non ci lascia soli, ci dona il Paraclito, lo Spirito consolatore, che ci protegge, ci difende, ci aiuta a leggere tutta la nostra vita con gli occhi di Dio e affrontare con serenità la lotta quotidiana.

In questo tempo di silenzio e di preghiera, chiediamo al Signore di allargare il nostro cuore, di togliere tutto quanto è di ostacolo alla sua venuta.

Apriti al dono dello Spirito che dentro di te “grida Abba, Padre”.

Ricordiamo tutti i nostri ragazzi che tra poco riceveranno la Cresima e la Comunione, e anche quelli che hanno chiesto il Battesimo perché le loro famiglie aiutate dalla nostra testimonianza, li accompagnino seriamente nel cammino di fede.

Chiediamo al Signore di essere anche noi con la nostra vita, veri testimoni della presenza dello Spirito, perché molti possano vedere e aprirsi alla grazia del Signore.

Lo Spirito, che, anche se non ce ne siamo accorti, anche oggi ci ha condotti qui, ci doni la forza e la serenità che nascono dalla consapevolezza della sua presenza dentro di noi così che anche nelle avversità della vita, sappiamo essere sempre sereni e pieni di fiducia nell’amore fedele del Signore e diventare luce per i nostri fratelli che ci incontreranno sulla strada.

È stata proprio la luce della testimonianza del martirio di tanti cristiani e in particolare di Stefano che ha abbagliato Saulo sulla via di Damasco, ed è stata la luce del Battesimo che poi gli ha ridato la vista.

Lasciati allora guidare dallo Spirito in questo tempo di silenzio e, come i discepoli, assieme a Maria nel Cenacolo, preparati ad accoglierlo ….

 

Don Mario