Lasciati slegare, il Signore ha bisogno!

Brava! Bravo!

Se sei qui, se ti sei lasciato condurre fin qui, è perché sei riuscito a slegarti o perché qualcuno ti ha slegato da tutti i tuoi impegni sempre più incalzanti e importanti, dalla pigrizia di dover uscire di casa e avventurarsi nell’aria gelida, dagli amici e dalle amiche con i quali avresti potuto passare il tempo, dalle domande e dai dubbi che ti assalgono sull’importanza e l’utilità dell’adorazione… insomma venire qui vuol dire essere liberi e liberati, proprio come il puledro del Vangelo di ieri.

Ma perché tutto questo? Perché “Il Signore ne ha bisogno”, sì il Signore ha proprio bisogno di te altrimenti non può entrare a “Gerusalemme” o meglio qui a Milano, oggi!

Come ha avuto bisogno di un pezzo di pane offerto a Lui per diventare la presenza Eucaristica che oggi è qui davanti a te, così ha bisogno di te per arrivare ai tuoi fratelli, agli uomini di oggi, ecco perché devi lasciarti slegare, ecco perché devi lasciarti condurre a Lui, proprio come il puledro del Vangelo di ieri e metterti al suo servizio per farli nascere, per portarlo anche oggi, qui, a …. Milano.

E allora eccoti qui per stendere il tuo “mantello” e cioè per mettere di fronte a Lui la tua vita, la tua completa disponibilità.

Forse sei ancora un po’ legato…. È proprio questo avvento, allora, il momento buono per chiedere a qualcuno dei “discepoli” di slegarti e magari per fare una bella confessione.

Forse non ti sei ancora reso conto che il Signore potrà nascere solo se tu gli farai spazio, metterai la tua vita nelle sue mani, ti renderai disponibile a seguirlo e a farlo conoscere ai fratelli con il tuo esempio e la tua testimonianza, con le tue parole, i tuoi pensieri e le tue azioni.

Allora senti anche per te oggi, ancora una volta la parola del Signore: “Il Signore ne ha bisogno!”

È davvero un grande mistero questo che stiamo contemplando: la realtà di un Dio che ha bisogno degli uomini, di uno come me, come te, non ne può fare a meno….

Questa verità ci lascia sconvolti e pieni di meraviglia, lasciati stupire da questo grande mistero perché in fondo è proprio il mistero del Natale che stiamo per celebrare….

Don Mario