Cercasi asino

Il Signore ne ha bisogno.Di cosa?

Di un asino legato come me, come te!

Senza l’asino non può entrare a Gerusalemme, nel mondo.

Il somaro è colui che porta i pesi degli altri, colui che si fa servo e non si serve o si fa servire, per questo il Signore ne ha bisogno perché indica il suo stile di ingresso nel mondo, anche a Betlemme era tra un asino e un bue (segno di mansuetudine).

L’asino però deve lasciarsi slegare da Lui, deve liberare la sua capacità di servire, di mettersi al servizio di Gesù per poterlo portare ai fratelli, deve liberarsi da tutti i pregiudizi e da tutte le domande inutili che la gente si può fare: “Perché lo slegate?” “A cosa serve servire gli altri?”

“Una vita serve se serve!” ha detto più volte Papa Francesco.

Come il popolo di Gerusalemme, dobbiamo avere il coraggio di “buttare i nostri mantelli” cioè le nostre false sicurezze, le nostre ricchezze, la nostra vita davanti a Gesù che viene non da dominatore, ma da servo, su un asino. C

i dobbiamo mettere ai piedi di Gesù per preparargli la strada, per seguire Gesù nel suo cammino che passa da Betfage (Casa del fico, cioè della sapienza, dell’immagine, pensiamo al fico sterile, fatto solo di belle foglie…) a Betania (Casa del povero) attraverso il Tempio (luogo dell’incontro con Dio).

Eccoti allora ai piedi di Gesù, forse sei ancora legato, forse hai paura di consegnarti nelle sue mani, forse ti spaventa il suo peso su di te, ma il suo giogo è dolce e leggero…. Fidati di lui, come l’asino, Lui “lo rimanderà subito” dopo aver svolto il suo servizio, non ti schiavizza, ti rimanda libero…

In questa pausa di silenzio, preparati ad accogliere Gesù in questo Natale, preparati a portare Gesù con la tua vita bella in mezzo ai fratelli, prega il Signore che “ti faccia crescere e sovrabbondare nell’amore per tutti”, così che possa attraverso la tua testimonianza e il tuo servizio venire ancora oggi in mezzo a noi e portare pace, giustizia, amore e perdono in questo mondo.

Lasciati slegare, libera la tua vita, fanne dono come il Signore ci ha insegnato, allora tutto intorno a te sarà gioia e festa: “Osanna, Benedetto colui che viene, osanna nel più alto dei cieli” come un giorno cantavano gli angeli così oggi possano cantarlo gli uomini che si accorgono della presenza, della venuta e della visita di Gesù.

Stendi allora il tuo mantello ai piedi del Signore, libera la tua capacità di amare e di servire e con gioia per-corri con il Signore questo cammino di Avvento.

don Mario