Seguimi

Gesù passando, vide un uomo di nome Matteo e disse…

Anche oggi Gesù vede te, e ti dice una parola.

È la stessa Parola che ha creato il mondo, è la stessa parola che ha creato il primo uomo, la prima donna. Questa parola che un giorno è stata rivolta a Matteo, una Parola ricca di amore, una Parola che dona speranza, una Parola che accoglie così come sei, una Parola che indica un cammino, una Parola che dà vita… Oggi Gesù la rivolge a te: “Seguimi”, impara da me, vienimi dietro.

A quella Parola, Matteo si alzò (voce del verbo risorgere) e lo seguì.

Ora sta a te rispondere a quell’invito, lascia il tuo banco delle imposte che ti tiene prigioniero delle cose di questo mondo, e mettiti al suo seguito.

Fissa il tuo sguardo nel suo così pieno di amore (domenica scorsa è stata la festa della Divina Clemenza) e lasciati guidare da Lui.

Come Matteo, conducilo nella tua casa e fai festa con tutti. Il banchetto di Gesù con i pubblicani e i farisei ci ricorda la mensa eucaristica dove Gesù si siede con noi e ci dona il suo Amore.

È singolare accorgersi che a questa mensa, dove Gesù sta seduto, accorrono “molti pubblicani e peccatori”. La comunità cristiana, la Chiesa, non è infatti composta di puri, ma da tutti coloro che, pur sentendosi profondamente indegni – a partire da Pietro stesso che dirà a Gesù: “Signore, allontanati da me perché sono un peccatore” (Lc 5,8) sino al centurione: “non mi sono neppure ritenuto degno di venire da te” (Lc 7,7) –, tuttavia si sentono coinvolti proprio da Lui, sino ad essere i Suoi commensali.

Leggi tutto “Seguimi”

Sei della maggioranza o della minoranza ?

Anche oggi sei qui davanti al Signore, sai che Lui è qui e sei venuto per incontrarlo.

Leggendo il Vangelo di ieri troviamo questo gruppo di dieci lebbrosi: anche loro vanno incontro a Gesù, fermandosi a distanza, per chiedergli di aver pietà, di guarirli, di togliere il loro dolore, la loro sofferenza, di farli ritornare in comunità (erano esclusi per la loro malattia!).

Anche tu sei qui, sei a distanza?

Sei qui insieme ad altri … per chiedere …….? Cosa?

Tranquillo, Gesù appena ti vede, ti ascolta, si commuove, ti dà un ordine, vai dal sacerdote, (magari per confessarti), vuole che tu sia guarito e possa rientrare pienamente in comunione.

E così potremmo chiedere qui il nostro incontro, abbiamo ottenuto quello che volevamo.

Leggi tutto “Sei della maggioranza o della minoranza ?”

Cineforum: Tre manifesti a Ebbing e Missouri

Cineforum

Mercoledì 13 Febbraio ore 21.00

Ma la violenza paga?

Sala Padovese – Via Giusti 29

recensione

Ed eccolo il film che mette tutti d’accordo: spassoso e intelligente, di genere e d’autore, scritto benissimo (verrebbe da dire “fin troppo”) e recitato meglio. Una commedia nera anche un po’ western con venature tragiche, battute/idee a raffica, svolte narrative à gogo, perfino una buona dose di “impegno” senza farla pesare. Si direbbe il graal di questo para-genere, calato nell’America profonda e nel cinema che l’ha raccontata, indipendente pensante ma spettacolare, post-Coenpost-Tarantino, forse pure post-True Detective.

Leggi tutto “Cineforum: Tre manifesti a Ebbing e Missouri”

Adorazione

Ripensando alla Parola di Dio di Domenica che ci invitava a riflettere sul fatto che è la fede che ci salva e non l’appartenenza a un popolo o ad un altro, nel pieno della celebrazioni per il capodanno cinese e dell’Eucarestia che abbiamo celebrato con la comunità cattolica cinese non possiamo fare a meno, in questo momento di preghiera non rileggere, pregare e meditare il testo storico dell’accordo firmato dal Papa e dal Imam sulla fratellanza di tutti gli uomini di fede.

 

Il fatto dei pani e …. il fatto di pane

 

I discepoli, sulla barca erano affaticati, remavano contro vento, gridavano, avevano paura, il loro cuore era indurito, erano rimasti sconvolti perché non avevano compreso “il fatto dei pani”, cioè il miracolo della moltiplicazione dei pani, non avevano ancora capito la grandezza dell’amore misericordioso e compassionevole di Gesù per gli uomini, un amore che diventa concreto, visibile, discreto, vicino.

Quell’amore che qui davanti a te si presenta appunto sotto l’aspetto di un segno, di un Sacramento, proprio come il “fatto dei pani” e cioè nell’Eucarestia.

Non si può avere paura se ci accorgiamo che il Signore ci sta sempre vicino con il dono di sé, del suo corpo, della sua presenza.

Leggi tutto “Il fatto dei pani e …. il fatto di pane”

Servizio Civile

 

Per un’educazione alla pace e alla giustizia fra i popoli: il Servizio civile nazionale e il Corpo europeo di solidarietà

Ne parliamo con:

Ivan Nissoli,

Presidente del CSV Milano (Centro di Servizi per il Volontariato), e coordinatore del settore giovani e servizio civile nella Fondazione Caritas Ambrosiana

 

 

 

Prima i Giudei ” Festa della Famiglia “

“Prima i Giudei”: era il motto di Archelao che come il padre Erode non poteva soffrire chiunque potesse disturbare i suoi comodi, e mettesse in pericolo il suo potere e così la nostra Sacra Famiglia, dopo essere emigrata in Egitto (a la faccia di chi afferma che Gesù non è mai stato migrante….) dopo un po’ di anni ritorna in patria ma la notizia che il figlio del re Erode era diventato governatore, conoscendo il padre, Giuseppe preferisce allontanarsi dalla loro terra, da quella dei loro avi (Gesù per chi non lo sapesse era “figlio di Davide” e quindi naturalmente non Galileo… per andare a vivere lontano, tra gli stranieri,  appunto in Galilea

.

Leggi tutto “Prima i Giudei ” Festa della Famiglia “”

Fa come Maria

Il Vangelo di Domenica che ci ha presentato il primo “segno” di Gesù alle nozze di Cana. È un episodio molto ricco di spunti per riflettere ma tutto parte da una frase iniziale che dà senso a tutto il resto: “Fu invitato… anche Gesù”.

Se non ci fosse stato Gesù alle nozze, sarebbe finito tutto molto male, gli invitati si sarebbero lamentati, lo sposo avrebbe fatto una brutta figura, se la sarebbe presa con il maestro di tavola, il quale avrebbe dato la colpa ai servi …. Come sempre, in tutte le vicende umane, quando succede qualcosa nessuno è capace di assumersi la propria responsabilità e così si scaricano sugli altri le colpe e tutto finisce in grandi litigi…. A un certo punto si sarebbero messi a litigare anche i novelli sposi dandosi la colpa a vicenda o magari ributtandola sui suoceri….. Meno male che avevano invitato Gesù e Maria!

Non è che forse tante cose vanno male nella tua vita e nella tua giornata perché ti sei dimenticato di invitare Gesù e Maria?

Leggi tutto “Fa come Maria”