Anche i duri vanno in crisi

“Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”
Ecco il dubbio di Giovanni Battista.
In prigione per amore della verità e per fedeltà alla sua missione, Giovanni, riflette sulla sua vita, sente vicino il giorno della sua morte e vuole essere certo di aver visto giusto, di non aver speso la sua vita per niente, di essersi comportato secondo la volontà di Dio.
Lui, così deciso ha un momento di dubbio, di crisi!
Non c’è da stupirsi, è proprio una caratteristica dell’uomo e soprattutto del credente quello di farsi sempre delle domande, di voler approfondire sempre di più i motivi del suo credere, la sua conoscenza del Signore e del suo progetto su di noi.
Cosa fa allora Giovanni?
Manda dei messaggeri a chiedere a Gesù di aiutarlo a risolvere i suoi dubbi.
Anche noi allora, non dobbiamo spaventarci se ci chiediamo il perché di quello che facciamo, della nostra fede, se ci domandiamo qual è la nostra vocazione.
Dobbiamo fare come Giovanni, chiedere, informarci, parlare magari con un sacerdote che possa meglio aiutarci a capire la volontà del Signore.
Anche questo momento di adorazione devi riscoprirlo come un momento importante di riflessione, di ricerca e di approfondimento del tuo rapporto di amicizia con Gesù e della tua serietà nel seguirlo.
Questa adorazione diventa anche la risposta che Gesù da alle tue domande, ai tuoi dubbi: la sua presenza nell’Eucaristia, nel silenzio del tuo cuore, negli amici che pregano con te, nel don in fondo alla chiesa……. sono segni concreti della sua vicinanza a te e strumenti che ti offre per crescere nella fede e nella comprensione della tua vita.
Non aver paura allora, mettiti nelle sue mani e impara da Giovanni, con forza e con decisione affronta i tuoi problemi e le tue domande, qui, oggi, sotto lo sguardo pieno di amore di Gesù Eucarestia.
Guardati attorno e scopri i segni del regno di Dio che avanza, il bene che viene seminato ogni giorno nei confronti di chi ha bisogno da tanti uomini, donne, giovani e ragazzi che come Gesù si fanno prossimo a chi soffre… e chiedi di diventare anche tu segno vivente dell’amore di Dio………..
       don Mario

Cinque stelle in movimento

No, non temere, non ho un …. grillo per la testa, ma piuttosto, ripensando alla parabola del Vangelo di ieri degli operai chiamati a lavorare nella vigna, aldilà dei problemi sindacali (e comunque forse potrebbe anche essere una bella idea quella di dare a tutti uno stipendio minimo per vivere…. Ma non sono problemi di nostra competenza), dovremmo lasciarci stupire dalla infinita misericordia del Padrone che vuole che tutti abbiano la possibilità di guadagnarsi da vivere (cioè di salvarsi) anche se (non per loro colpa) sono stati assunti (chiamati) in ore diverse. Dobbiamo quindi in questo momento di silenzio ringraziare il Signore che apre le porte del Cielo a tutti coloro che rispondono prontamente alla sua chiamata e si danno da fare nella sua vigna. Esce 5 volte a chiamare i lavoratori, a diverse ore del giorno per offrire a tutti la possibilità di collaborare al suo progetto di salvezza (vigna). Tutto questo racconto sta a dire che ciascuno di noi è chiamato dal Signore in momenti diversi magari ma una cosa è certa: Lui si fa vicino a tutti noi. È come se si accendesse una luce (quella dei quadri del Caravaggio), una stella (proprio come quella dei Magi), che richiede da te solo che ti metta in movimento, che incominci a lavorare per il Signore…. L’hai vista la stella? La luce si è accesa? Io mi faccio portavoce del Papa per proporti alcune “stelle” per illuminare la tua vita, sono contenute nel Decreto che indice l’anno santo della fede e che dona a tutti la possibilità di ottenere l’indulgenza plenaria, cioè il perdono totale dei peccati e delle pene temporali…. Se però ci mettiamo in movimento ….. Noi come parrocchia offriremo diverse possibilità, dalle riflessioni e lo studio del Concilio, ai pellegrinaggi a Roma e in altri luoghi, dall’attenzione alle persone inferme alle celebrazioni in giorni particolari, tutto questo proprio per offrire a tutti la possibilità di convertirsi, di rispondere alla chiamata del Signore e “lavorare nella vigna”. E prima di leggere sul retro di questo foglio le “5 stelle” per illuminare il tuo cammino di conversione, ricorda nella preghiera e affida al Signore il ministero di Parroco del nostro Don Giuseppe che ha ascoltato la chiamata del padrone della vigna e ha risposto con un generoso “sì”. La sua vita sia sempre illuminata dalla luce di Cristo risorto.

Don Mario

Nel giorno del cinquantesimo anniversario dalla solenne apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II il Sommo Pontefice Benedetto XVI ha stabilito l’inizio di un Anno particolarmente dedicato alla professione della vera fede e alla sua retta interpretazione, con la lettura, o meglio, la pia meditazione degli Atti del Concilio e degli Articoli del Catechismo della Chiesa Cattolica”. “Poiché si tratta anzitutto di sviluppare in sommo grado – per quanto è possibile su questa terra la santità di vita e di ottenere, quindi, nel grado più alto la purezza dell’anima, sarà molto utile il grande dono delle Indulgenze, che la Chiesa, in virtù del potere conferitole da Cristo, offre a tutti coloro che con le dovute disposizioni adempiono le speciali prescrizioni per conseguirle”. “Durante tutto l’arco dell’Anno della fede, indetto dall’11 Ottobre 2012 fino all’intero 24 Novembre 2013, potranno acquisire l’Indulgenza plenaria della pena temporale per i propri peccati impartita per la misericordia di Dio, applicabile in suffragio alle anime dei fedeli defunti, tutti i singoli fedeli veramente pentiti, debitamente confessati, comunicati sacramentalmente, e che preghino secondo le intenzioni del Sommo Pontefice.

1.- Ogniqualvolta parteciperanno ad almeno tre momenti di predicazione durante le Sacre Missionioppure ad almeno tre lezioni sugli Atti del Concilio Vaticano II e sugli Articoli del Catechismo della Chiesa Cattolica, in qualsiasi chiesa o luogo idoneo;

2.- Ogniqualvolta visiteranno in forma di pellegrinaggio una Basilica Papale, una catacomba cristiana, una Chiesa Cattedrale, un luogo sacro designato dall’Ordinario del luogo per l’Anno della fede (ad es. tra le Basiliche Minori ed i Santuari dedicati alla Beata Vergine Maria, ai Santi Apostoli ed ai Santi Patroni) e lì parteciperanno a qualche sacra funzione o almeno si soffermeranno per un congruo tempo di raccoglimento con pie meditazioni, concludendo con la recita del Padre Nostro, la Professione di Fede in qualsiasi forma legittima, le invocazioni alla Beata Vergine Maria e, secondo il caso, ai Santi Apostoli o Patroni;

3.- Ogniqualvolta, nei giorni determinati dall’Ordinario del luogo per l’Anno della fede (ad es. nelle solennità del Signore, della Beata Vergine Maria, nelle feste dei Santi Apostoli e Patroni, nella Cattedra di San Pietro), in qualunque luogo sacro parteciperanno ad una solenne celebrazione eucaristica o alla liturgia delle ore, aggiungendo la Professione di Fede in qualsiasi forma legittima;

4.- un giorno liberamente scelto, durante l’Anno della fede, per la pia visita del battistero o altro luogo, nel quale ricevettero il sacramento del Battesimo, se rinnoveranno le promesse battesimali in qualsiasi formula legittima.

5.- Tutti i fedeli che “per malattia o gravi motivi” non possono uscire di casa, potranno ottenere l’indulgenza plenaria “se, uniti con lo spirito e con il pensiero ai fedeli presenti, particolarmente nei momenti in cui le Parole del Sommo Pontefice o dei Vescovi Diocesani verranno trasmesse per televisione e radio, reciteranno nella propria casa o là dove l’impedimento li trattiene il Padre Nostro, la Professione di Fede in qualsiasi forma legittima, e altre preghiere conformi alle finalità dell’Anno della fede, offrendo le loro sofferenze o i disagi della propria vita.

 

E’ ora di seminare

Come il servo della parabola, anche tu sei qui davanti al “Padrone” e dopo una settimana di impegno nel mondo penso che pur con tanta amarezza nel cuore ti sei accorto (spero) che nel “campo” non c’è solo del buon grano ma cresce anche tanta zizzania…. Purtroppo sono tanti i seminatori di male in giro per il mondo e allora viene da dire come il servo “Signore vado a strapparla, mi metto di impegno a togliere di mezzo tutti coloro che fanno del male….” Ma la parabola stessa ci dice anche che non si deve avere l’impazienza, lo zelo sia pure buonodi togliere subito di mezzo tutti gli operatori di iniquità; e questo fondamentalmente per due ragioni: prima di tutto è solo Dio che vede fino in fondo nei cuori degli uomini e sa chi sono i giusti e gli empi; in secondo luogo la distinzione tra buoni e cattivi passa più nel cuore di ciascuno di noi che nel mondo. L’esperienza del peccato, purtroppo connaturata ad ogni essere umano, ci insegna che è innanzitutto dal nostro cuore che dobbiamo estirpare la zizzania.  In questo anno della fede chiediamo al Signore che ci doni più pazienza, tolleranza, e fiducia senza mezzi termini in Colui che, solo, scruta i cuori degli uomini. Solo Lui fa crescere come ci ricordava san Paolo nella seconda lettura di ieri, noi dobbiamo piantare, irrigare, curare, costruire ma solo la Grazia di Dio da la forza di crescere. Mettiti allora qui in silenzio davanti al Signore, apri il tuo cuore e lasciati irradiare dal sole del suo amore così che faccia crescere quanto ha seminato. Accogli e riconosci con umiltà anche la presenza del male nel tuo cuore e cerca di non farti soffocare dalla zizzania ma semina continuamente opere buone così che possano riempire ogni angolo del campo del tuo cuore e non soccombere al male. Il seme buono ha dentro di sé una grande forza, capace di trasformare tutto ciò che gli sta attorno proprio come il lievito e diventare luogo di rifugio e di riferimento come il granello di senape. Forza allora, pianta, innaffia, cura di fare tanto bene, al resto ci penserà il Signore. Una preghiera speciale sempre per il nostro don Giuseppe, per il suo nuovo cammino e per i nostri superiori perché siano illuminati nella scelta di un nuovo sacerdote da mandare tra noi. Sai benissimo quanto un sacerdote può fare di bene in una comunità e quanto contribuisce con il suo impegno alla storia della fede di una parrocchia. Prega allora con tanta forza il Signore perché mandi il suo Spirito.

Don Mario

 

La Cina ( e non solo) è vicina

La Giornata missionaria di domenica ci ha ricordato che ogni cristiano deve sentire dentro di sé la spinta ad essere missionario, a portare dovunque l’annuncio della gioia che deriva dalla fede in Gesù. Quando si pensa alla Missione si pensa sempre a luoghi lontani tanti chilometri a foreste inesplorate ma innanzi tutto dobbiamo cominciare da noi stessi, andare nelle “foreste” del nostro cuore, nei paesi “lontani” della nostra vita di tutti i giorni per portare la luce di Cristo. Ci sono momenti, situazioni, rapporti nella nostra vita che non sono ancora illuminati dalla fede: troppe volte magari viviamo come se Gesù non ci fosse e siamo schiavi di altre “divinità” (la nostra lingua, sempre troppo lunga, i nostri desideri, non sempre limpidi e puri, le nostre azioni all’insegna dell’egoismo, i nostri rapporti con gli altri dominati dall’interesse o dalla “simpatia”….), abbiamo tante “foreste” e “territori ancora inesplorati” dentro di noi che dobbiamo “conquistare” al Signore e illuminarli con la Sua luce per poter dare gioia e serenità al nostro cuore, ai nostri pensieri, al nostro agire quotidiano. Prova a scoprire davanti al Signore quali sono questi angoli bui nella tua vita…. Se oggi sei qui, penso che, al di là delle foreste che avrai scoperto, ci sia dentro di te almeno la voglia di essere discepolo di Gesù e quindi anche una buona parte di fede che quindi ti deve spingere ad annunciarla anche agli altri. Ecco l’altro impegno missionario. Chiediti allora se qualche volta pensi anche a quelli che il Signore mette ogni giorno sul tuo cammino e come Filippo negli Atti degli Apostoli senti dentro di te il desiderio di parlare loro del Signore, con il tuo modo di fare, con le tue scelte, i giudizi che dai, le parole che dici? Non ti viene voglia di dire a tutti la gioia di essere cristiano? O forse per te non è una gioia? Molti fratelli attendono da te un segno per poter crescere nella fede, aspettano da te un gesto che li possa aiutare a diventare più buoni e  più vicini al Signore. Non c’è bisogno di andare lontano, esci, per la strada, guardati intorno… sei già in missione, tutti quegli uomini e donne che fanno del lavoro la loro unica religione, il loro unico scopo nella vita… non hanno forse bisogno di ascoltare una Parola che li libera, che dà un senso alla loro esistenza? Non c’è bisogno di fare come Matteo Ricci o Giulio Aleni di andare nella lontana Cina, o nella più vicina Africa, siamo fortunati, è la Cina che è venuta qui, i nostri fratelli africani (quelli più fortunati che non lasciano la vita nel Mare Nostrum) sono qui in mezzo a noi… Ogni giorno incontro ragazzi, adolescenti, giovani che non conoscono il Signore e che forse aspettano solo che qualcuno gliene parli, glielo faccia incontrare, e non sono solo cinesi o africani o sud Americani… Continua allora a riflettere sul tuo impegno missionario, ma soprattutto sulla tua fede e non dimenticarti di sentire vicino in questo momento tutti i nostri missionari che nel mondo stanno donando la loro vita per portare a tutti la gioia di essere cristiani, quella gioia che  loro stessi per primi hanno sperimentato. Sentiamo vicino a noi in questo momento anche tutti i nostri missionari che sono già in cielo e preghiamoli perché ci aiutino ad essere anche noi un po’ più forti nella fede e nella testimonianza.

Don Mario

Il Primo Comandamento

“Il primo è: “Ascolta, Israele…”, con queste parole Gesù indica allo scriba e a ciascuno di noi la strada per essere veri credenti e raggiungere il Regno di Dio.Prima ancora di fare qualcosa, ancor prima di amare, Gesù ci ricorda che è importante ascoltare. Ma cosa vuol dire ascoltare? Ascoltare non è solo sentire: prova a pensare quante volte la mamma o il papà o i nonni ci hanno detto “Tu non mi ascolti mai!”, eppure quante volte li abbiamo “sentiti” parlare e dare consigli ma forse, è proprio vero, non li ascoltiamo troppo. Ascoltare è prima di tutto fare spazio a quello che un altro ci dice, dargli importanza, sentire con attenzione e quindi mettere in praticavivere quello che ci viene detto, prenderlo sul seriofarne tesororicordarlo anche quando è trascorso un po’ di tempo. Quante cose vuol dire “ascoltare” e come è difficile soprattutto in un mondo come oggi fatto di tanti rumori, di tante parole vuote o di tanti ascoltatori distratti e superficiali. Ecco che ogni volta che noi rispondiamo alla chiamata del Signore e veniamo a Messa, siamo qui per ascoltarlo, l’Eucarestia diventa quindi un momento prezioso di crescita perché ci nutriamo del corpo del Signore Gesù e “ascoltiamo” la sua Parola, l’unica che ci dà la Vera Vita e che ci svela il segreto di ogni cosa. Fermati allora un po’, “l’ascolto” richiede un po’ di tempo. Allora prova a guarda alla tua vita: quanto tempo dedichi ad ascoltare il Signore? La tua preghiera non è troppe volte un parlare, un chiedere, un lamentarsi, qualche volta anche una lode ma quante volte diventa silenzio e ascolto della sua Parola?  Ecco allora la strada verso la santità, quella alla quale tutti siamo chiamati: “Ascolta, Israele” e se ascolti davvero il Signore, che ha sempre tante cose belle da dirti, allora non potrai fare a meno di amarlo con tutto te stesso, e di amare tutti i fratelli dove Lui continua ad essere presente. Attenzione però, prima ritornare a casa dopo la Messa, ricordati che anche questo predica può correre il rischio di essere presa come tutte le raccomandazioni “sentite” ma non “Ascoltate”. Non essere superficiale, frettoloso per correre ai tuoi numerosi impegni, anche oggi il Signore ti ha parlato, ascolta….

don Mario

 

 

Aprite le finestre

Di fronte ai discepoli che dubitavano (?!) Gesù non fa grandi discorsi ma dice “andate e fate discepoli tutti i popoli….” Celebrare la Giornata missionaria è come aprire le finestre di casa, far entrare cioè aria fresca. Di fronte alle nostre piccole “beghe” quotidiane, di fronte ai nostri egoismi e alle nostre pigrizie e dubbi, il Signore ci ricorda che dobbiamo uscire, andare nel “campo che è il mondo” ed annunciare il Vangelo a tutte le genti. Ogni cristiano, se vero cristiano, dovrebbe sentire dentro di sé la spinta ad essere missionario, a portare dovunque l’annuncio della gioia che deriva dalla fede in Gesù. Forse, però, dobbiamo cominciare da noi stessi, andare nelle “periferie” del nostro cuore, nei paesi “lontani” della nostra vita di tutti i giorni per portare la luce di Cristo. Ci sono momenti, situazioni, rapporti nella nostra quotidianità che non sono ancora illuminati dalla fede: troppe volte magari viviamo come se Gesù non ci fosse e siamo schiavi di altre “divinità” (la nostra lingua, sempre troppo lunga, i nostri desideri, non sempre limpidi e puri, le nostre azioni all’insegna dell’egoismo, i nostri rapporti con gli altri dominati dall’interesse o dalla “simpatia”….), abbiamo tante “foreste” e “territori ancora inesplorati” dentro di noi che dobbiamo “conquistare” al Signore perché “divengano un’offerta gradita, santificata dallo Spirito Santo” come raccomandava san Paolo ai Romani. Prova a scoprire davanti al Signore quali sono questi angoli bui nella tua vita….

(pausa di riflessione)

Se oggi sei qui, penso che, al di là delle foreste che avrai scoperto, ci sia dentro di te almeno la voglia di essere discepolo di Gesù e quindi anche una buona parte di fede che quindi ti deve spingere ad annunciarlo a tutti i fratelli. Chiediti allora se qualche volta pensi anche a quelli che il Signore mette ogni giorno sul tuo cammino e senti dentro di te il desiderio di parlare loro del Signore, con il tuo modo di fare, con le tue scelte, i giudizi che dai, le parole che dici? Non ti viene voglia di dire a tutti la gioia di essere cristiano? O forse per te non è una gioia? Molti fratelli attendono da te un segno per poter crescere nella fede, aspettano da te un gesto che li possa aiutare a diventare più buoni e  più vicini al Signore. Continua allora a riflettere sulla tua missionarietà, ma soprattutto sulla tua fede e non dimenticarti di sentire vicino in questo momento tutti i nostri missionari che nel mondo stanno donando la loro vita per portare a tutti la gioia di essere cristiani che loro per primi hanno sperimentato.

Don Mario

Sfogliando l’ album

Qualche volta ti sarà capitato di sfogliare l’album delle foto di un matrimonio o di partecipare a un pranzo di nozze: una esperienza molto bella tanto che tutte le volte che ci ripensi e vedi quelle immagini, rivivi in fondo al cuore la gioia di quel giorno speciale: l’amicizia, l’allegria, i cibi gustosi, il vino abbondante e la felicità sul volto degli sposi e degli invitati…. Si ritorna volentieri a quei momenti, per gli sposi, magari con un pizzico di nostalgia perché la vita non è sempre una festa e, come si dice: “capita che il miele finisce e rimane… la luna.”  Comunque, è bello ripensare con la mente e con il cuore per rivivere quei momenti di gioia. Anche adesso, sei qui come per sfogliare l’album della festa di nozze del Figlio del Re della parabola di ieri, questo momento di adorazione è strettamente collegato con il “pranzo di nozze della domenica”, vuole essere un momento speciale  di contemplazione per rinnovare la gioia di quel giorno, per incrociare ancora lo sguardo amoroso del Signore che passa tra gli invitati alle nozze, per ricordare il suo cibo delizioso e il suo vino buono. Anche domenica, il Signore, come il Re della parabola evangelica, ti ha invitato alla festa, ti ha chiamato per nome…. e tu?

Come hai risposto?

Prova un po’ a elencare tutti i motivi per cui tu vai a Messa la domenica…

Ne hai trovato almeno qualcuno? Ti sembrano tutti validi?

È per te una gioia partecipare alla Messa o solo un abitudine?

Forse tante volte anche noi siamo come quell’invitato senza l’abito!

Quell’invitato rappresenta tutti coloro che pur rispondendo alla chiamata del Signore non vogliono lasciarsi cambiare dal suo amore, tengono gli “abiti” vecchi, le vecchie “abitudini”, non si lasciano “rivestire di Cristo” e così rimangono muti, non hanno nemmeno il coraggio di riconoscersi peccatori.

E tu che abito indossi la domenica? Rinnova in questo momento di preghiera la gioia di poter stare con il Signore, gusta la sua presenza accanto a te e fatti cambiare dal suo amore così che anche tu, ogni domenica possa dire veramente “Beati gli invitati alla cena del Signore, Signore io non sono degno di partecipare alle tue nozze, ma di soltanto una parola e io sarò salvato”.

Don Mario

 

L’ esame di fine anno

Ricordi il Vangelo di domenica scorsa? Parla della venuta di Gesù alla fine dei tempi, cioè alla fine del mondo, quando verrà e davanti a Lui sfileranno tutti gli uomini come un gregge e Lui, come un pastore, dividerà le pecore dalle capre, i buoni dai cattivi. Tutto questo succederà alla fine del mondo ma prima ancora avverrà alla fine della nostra vita, andremo da Lui ed Egli ci giudicherà. Questa, per noi cristiani, è l’ultima settimana dell’anno liturgico, siamo alla fine, e allora potremmo approfittarne per fare un po’ un bilancio di quest’anno passato, per esaminare un po’ il nostro comportamento e prepararci al grande esame finale. Se ci pensiamo bene, siamo proprio fortunati perché, al contrario degli esami di scuola, noi già sappiamo le domande dell’esame finale che il Signore ci farà e quindi possiamo prepararci per rispondere bene.

In quel giorno il Signore ci chiederà:

Avevo fame e tu…….?

Avevo sete e tu………?

Ero forestiero, extracomunitario e tu…….?

Ero nudo, povero, senza chi mi difendesse e tu…….?

Ero malato, handicappato, in ospedale e tu………..?

Ero in carcere e tu………..?

Ero senza casa, senza famiglia, senza lavoro e tu……..?

Prova a riprendere queste domande e innanzi tutto a dare un volto, un nome a Gesù affamato, malato, forestiero…… è impossibile non accorgersi che anche oggi, qui, nel nostro quartiere, intorno a noi, Gesù soffre nella carne del nostro prossimo….

E tu, come mai non lo sai o non lo vuoi riconoscere?

E se riesci a riconoscerlo, cosa hai fatto per Lui in quest’anno trascorso, nella tua vita, fino ad oggi……?

Ti accorgerai che è difficile amare sul serio come Lui ci insegna, abbiamo bisogno del suo aiuto, di imparare da Lui, dobbiamo stare un po’ più vicini a Lui ….. ma anche essere più generosi, meno calcolatori e spenderci con più coraggio per i fratelli, e soprattutto non prendere la preghiera come qualcosa che ci mette a posto la coscienza credendo di essere già bravi solo perché siamo andati a Messa la Domenica o addirittura super bravi perché veniamo anche all’adorazione del Lunedì. La preghiera, la Messa, l’adorazione, devono essere momenti forti per darti la carica per vivere come Lui, per scoprirlo nei fratelli, per donarti con generosità. Stare con Lui in Chiesa deve darti la gioia per continuare a stare con Lui nel mondo. In chiesa, si entra per amare Gesù nel tabernacolo e si esce per amare Gesù nei fratelli. Chiedi allora a Gesù che ti aiuti a prepararti bene all’esame, quello più importante della vita e a cominciare a mettere in atto qualche gesto concreto di amore.

La clessidra bis

“L’ IMPORTANTE è CONOSCERE IL FINE DELLA NOSTRA VITA  la direzione del nostro cammino, la meta dove, attraverso lo scorrere del tempo, vogliamo arrivare.”

Se confrontiamo le parole di Gesù del Vangelo di ieri con le notizie dei giornali e della Tv, possiamo riconoscere che i “segni” della venuta del Signore sono già presenti e riconoscere che il mondo ha bisogno di un Salvatore e solo Gesù può soddisfare questo bisogno. Cosa dobbiamo fare allora? Come deve comportarsi il cristiano? Due sono le tentazioni che ci si presentano quando ci mettiamo di fronte al problema della fine del mondo e quindi del valore del tempo e della nostra vita. La prima è il desiderio di conoscere la “data di scadenza” e quindi la tentazione di  poter possedere il tempo misurandolo, come si fa con tante altre cose, magari vendendolo o barattandolo (esiste anche la banca del tempo…). Ma se ci pensiamo bene il tempo ci sfugge, nel momento stesso in cui tu pensi a “questo momento”, è già passato … solo il Signore è padrone del tempo, Lui che non solo “esce dal tempio”, ma è al di fuori del tempo, Lui che è Eterno. La seconda tentazione è conseguente alla prima e cioè, visto che non possiamo fermare e possedere il tempo, allora riempiamolo, sfruttiamolo fino in fondo, godiamo a più non posso, non perdiamo nemmeno un secondo … e così ci ritroviamo pieni di impegni, sport, amici, TV, lavoro, mestieri di casa,…, tanto che la malattia del secolo è la depressione (cosa serve il tempo?) o lo stress (non ho più un minuto di tempo), ma il tempo passa lo stesso e noi, presi da tante cose, non ci accorgiamo dove stiamo andando. Sì perché la cosa più importante non è conoscere il tempo della “fine” della nostra vita o del mondo, ma è sapere qual è “IL FINE” della nostra vita e della storia del mondo, cioè la direzione del nostro cammino, la meta dove, attraverso lo scorrere del tempo, vogliamo arrivare. Ecco allora che per te, “popolo che porti nel cuore la mia legge” (come diceva la prima lettura di ieri), anche questo tempo che ogni Lunedì “butti via” stando qui davanti al Signore è un momento importante nel cammino della vita. Importante perché ti aiuta a capire e a fare un po’ di chiarezza in merito alla direzione della tua vita, su come impiegare meglio il tempo che il Signore ti ha donato. Approfitta allora di questi momenti per esaminare un po’ le tue scelte di ogni giorno, come impieghi il tuo tempo e sulla qualità dei tuoi impegni che rappresentano un po’ i granelli di sabbia che riempiono la clessidra della tua vita. Chiediti se vivi ogni momento in riferimento a Lui e se sei sempre consapevole che Lui ti vuol bene e ti protegge e che, malgrado le avversità della vita e le tribolazioni, “la sua giustizia durerà per sempre e la sua salvezza di generazione in generazione”. Rimani un po’ di tempo qui davanti al Signore già pregustando quel tempo infinito che ci aspetta quando Lui vorrà chiamarci e così saremo sempre con Lui senza più il dominio del tempo…

Don Mario

Prendi il cammello !

Oggi 24 Novembre 2013, come un giorno su Giovanni, oggi, in questo contesto storico, la Parola di Dio scende su di te, il Signore vuole incontrarti e tu sei venuto qui disponibile all’ascolto. Ecco il miracolo che anche oggi si avvera: la Parola che ha creato tutto, la Parola che è fuori dal tempo e dallo spazio, quella Parola “scende” in questo mondo, entra a far parte della nostra storia, della tua storia, della tua vita. Come nel Vangelo che abbiamo ascoltato ieri, anche oggi la Parola ha bisogno del deserto per poter arrivare a destinazione. Devi allora fare deserto e cioè innanzitutto silenzio perché tu possa ascoltare la Parola. Devi fare silenzio dentro di te! Metti a tacere tutte le voci che ti disturbano e ti distraggono, tutte le tentazioni che ti distolgono dal Signore e mettiti in ascolto, tendi l’orecchio, apri il cuore, renditi disponibile, attento e desideroso della sua Parola. Il deserto però è anche il luogo della povertà, dell’aridità e molte volte assomiglia alla nostra vita, povera, arida, ma assetata e desiderosa di cambiare. Non dobbiamo pensare di poter offrire al Signore chissà quali cose, Lui viene anche nel deserto e nel “piattume” della nostra vita di ogni giorno con i nostri limiti e i nostri peccati ma con la voglia, però, di cambiare, di lasciarci trasformare da Lui, con la sete di Lui. Questa Parola, come un giorno su Giovanni, e come ogni giorno, scende su di te, perché tu possa, come Giovanni annunciarla con la voce e con la testimonianza così da trasformare il deserto della tua vita e  intorno a te, nel “territorio del Giordano” cioè in luogo ricco di acqua, di vegetazione e di vita.  Tocca a te allora accogliere questa Parola e come Giovanni “evangelizzare” cioè portare a tutti il Vangelo, la buona notizia e suscitare un cambiamento di vita, la conversione. Preparati allora ad accogliere quello che oggi il Signore ti vorrà dire in questo momento di deserto, in questo tempo di Avvento… Sarà una Parola di vita, che parlerà al tuo cuore e susciterà in te la domanda: “Cosa debbo fare?”. Ascolta, interroga, e soprattutto lasciati guidare, cambierà la tua vita. Buon deserto allora. Ricordiamoci di pregare per tutti coloro che stanno attraversando il deserto o i deserti della loro esistenza e della loro vita, stranieri, immigrati, rifugiati perché possano trovare accoglienza.

Don Mario

Lasciati interrogare

“Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?” Ecco il dubbio di Giovanni Battista. In prigione per amore della verità e per fedeltà alla sua missione, Giovanni, riflette sulla sua vita, sente vicino il giorno della sua morte e vuole essere certo di aver visto giusto, di non aver speso la sua vita per niente, di essersi comportato secondo la volontà di Dio. Lui, così deciso ha un momento di dubbio, di crisi! Non c’è da stupirsi, è proprio una caratteristica dell’uomo e soprattutto del credente quello di farsi sempre delle domande, di voler approfondire sempre di più i motivi del suo credere, la sua conoscenza del Signore e del suo progetto su di noi. Cosa fa allora Giovanni? Manda dei messaggeri a chiedere a Gesù di aiutarlo a risolvere i suoi dubbi. Anche noi allora, non dobbiamo spaventarci se ci chiediamo il perché di quello che facciamo, della nostra fede, se ci domandiamo qual è la nostra vocazione. Diceva il Papa nella sua omelia del 29 Novembre:  Il Signore vuole che noi capiamo cosa succede: cosa succede nel mio cuore, cosa succede nella mia vita, cosa succede nel mondo, nella storia… Cosa significa questo che accade adesso? Questi sono i segni dei tempi! Invece, lo spirito del mondo ci fa altre proposte, perché lo spirito del mondo non ci vuole popolo: ci vuole massa, senza pensiero, senza libertà. Lo spirito del mondo, vuole che andiamo per una strada di uniformità. Il pensiero uniforme, il pensiero uguale, il pensiero debole, un pensiero così diffuso. Lo spirito del mondo non vuole che noi ci chiediamo davanti a Dio: ‘Ma perché questo, perché quell’altro, perché accade questo?’. O anche ci propone un pensiero prêt-à-porter, secondo i propri gusti: ‘Io penso come mi piace!’. Ma quello va bene, dicono loro… Ma quello che lo spirito del mondo non vuole è questo che Gesù ci chiede: il pensiero libero, il pensiero di un uomo e di una donna che sono parte del popolo di Dio e la salvezza è stata proprio questa! Pensate ai profeti… ‘Tu non eri mio popolo, adesso ti dico popolo mio’: così dice il Signore. E questa è la salvezza: farci popolo, popolo di Dio, avere libertà”.

Dobbiamo fare come Giovanni, chiedere, informarci, parlare magari con un sacerdote che possa meglio aiutarci a capire la volontà del Signore. Anche questo momento di adorazione devi riscoprirlo come un momento importante di riflessione, di ricerca e di approfondimento del tuo rapporto di amicizia con Gesù e della tua serietà nel seguirlo. Questa adorazione diventa anche la risposta che Gesù da alle tue domande, ai tuoi dubbi: la sua presenza nell’Eucaristia, nel silenzio del tuo cuore, negli amici che pregano con te, nel don in fondo alla chiesa……. sono segni concreti della sua vicinanza a te e strumenti che ti offre per crescere nella fede e nella comprensione della tua vita. Non aver paura allora, mettiti nelle sue mani e impara da Giovanni, con forza e con decisione affronta i tuoi problemi e le tue domande, qui, oggi, sotto lo sguardo pieno di amore di Gesù Eucarestia. Guardati attorno e scopri i segni del regno di Dio che avanza, il bene che viene seminato ogni giorno nei confronti di chi ha bisogno da tanti uomini, donne, giovani e ragazzi che come Gesù si fanno prossimo a chi soffre… e chiedi di diventare anche tu segno vivente dell’amore di Dio………..

don Mario

Cercasi asino

Il Signore ne ha bisogno, di cosa? Di un asino legato come me, come te! Senza l’asino non può entrare a Gerusalemme, nel mondo. Il somaro è colui che porta i pesi degli altri, colui che si fa servo e non si serve  o si fa servire, per questo il Signore ne ha bisogno perché indica il suo stile di ingresso nel mondo, anche a Betlemme era tra un asino e un bue (segno di mansuetudine). L’asino però deve lasciarsi slegare da Lui, deve liberare la sua capacità di servire, di mettersi al servizio di Gesù per poterlo portare ai fratelli, deve liberarsi da tutti i pregiudizi e da tutte le domande inutili che la gente si può fare: “Perché lo slegate?” “A cosa serve servire gli altri?” Dobbiamo avere il coraggio di “Buttare i nostri mantelli” cioè le nostre false sicurezze, le nostre ricchezze, la nostra vita, ci dobbiamo mettere ai piedi di Gesù per preparargli la strada, per seguire Gesù nel cammino passando da Betfage (Casa del fico, cioè della sapienza, dell’immagine, pensiamo al fico sterile, fatto solo di belle foglie…) a Betania (Casa del povero) attraverso il Tempio (luogo dell’incontro con Dio). Eccoti allora ai piedi di Gesù, forse sei ancora legato, forse hai paura di consegnarti nelle sue mani, forse ti spaventa il suo peso su di te, ma il suo giogo è dolce e leggero…. Fidati di lui, come l’asino, “lo rimanderà subito” dopo aver svolto il suo servizio, non ti schiavizza, ti rimanda libero… In questa pausa di silenzio, preparati ad accogliere Gesù in questo Natale, preparati a portare Gesù con la tua vita bella in mezzo ai fratelli, prega il Signore che “ti faccia crescere e sovrabbondare nell’amore per tutti”, così che possa attraverso la tua testimonianza e il tuo servizio venire ancora oggi in mezzo a noi e portare pace, giustizia, amore e perdono in questo mondo. Lasciati slegare, libera la tua vita, fanne dono come il Signore ci ha insegnato, allora tutto intorno a te sarà gioia e festa: “Osanna, Benedetto colui che viene, osanna nel più alto dei cieli” come un giorno cantavano gli angeli così oggi possano cantarlo gli uomini che si accorgono della presenza, della venuta e della visita di Gesù. Stendi allora il tuo mantello ai piedi del Signore, libera la tua capacità di amare e di servire e con gioia per-corri con il Signore questo cammino di Avvento.

don Mario

 

 

Sei qui restaci un po

Il vangelo di Domenica ci ricorda la missione di Giovanni Battista: “venne per dare testimonianza alla luce…” Ebbene ora tu sei qui, davanti alla Luce! Sei qui per guardare sotto la sua luce la tua vita, le tue scelte, questo Avvento che ormai sta per finire. Sei qui alla sua luce per far rigenerare la Vita in te, per far sbocciare nuovi cammini, nuovi propositi di vita vera. Sei qui per sentire tutto il calore della sua luce che ti avvolge, ti circonda, ti scalda d’amore. Sei qui perché il buio, il male ti fanno paura e solo la sua luce ti dà sicurezza. Sei qui per rispondere a tutte le domande che abitano nel profondo del tuo essere e che solo alla sua luce acquistano la giusta dimensione. Sei qui perché alla sua luce puoi scoprire anche le ombre che la tua materialità proietta, rendertene consapevole ed accoglierle con misericordia, come Lui accoglie te. Sei qui per “abbronzarti l’anima dalla sua luce” così da essere nel mondo testimone visibile e riconoscibile del suo amore incontaminato, universale e senza ombre. Sei qui perché sei figlio della luce, magari un po’ più fragile e povero dei figli delle tenebre ma con il cuore pieno di speranza e di fiducia perché la luce vince sulle tenebre anche se le tenebre non l’hanno accolta. Sei qui perché è bello restare qui come un giorno dissero i discepoli sul monte della Trasfigurazione abbagliati dalla sua Luce. Sei qui perché la sua luce trasformi il tuo volto come quello di Mosè e possa quindi tornare tra i fratelli portando un po’ della sua Luce. Sei qui, … rimani qui, … alla sua Luce. Il Vangelo di Domenica termina dicendo che “Dio, nessuno lo ha mai visto: il Figlio unigenito, ….. è Lui che lo ha raccontato.” Ascolta Gesù che con la sua vita ci racconta il Padre, il suo amore, la sua misericordia, il suo desiderio di essere in comunione con te, apri il tuo cuore e Buon Natale!

Don Mario

 

Battesimo di Gesù

“Cristo non volle essere battezzato per essere santificato dalle acque, ma per santificarle lui stesso di modo che fosse Lui a purificare quelle acque che toccava. Rese così pura la fonte perché la grazia del lavacro battesimale fosse distribuita in seguito ai popoli futuri.” (S. Massimo da Torino, un vescovo dei primi secoli)

…E questa grazia di cui ci parla s. Massimo, un giorno è stata effusa su di noi, anche su di te, e siamo diventati figli di Dio. A proposito, ti ricordi la data del tuo Battesimo? Da allora sei diventato figlio e oggi sei qui proprio come figlio per parlare con il Padre ma soprattutto per verificare di fronte al suo Figlio nel quale il Padre si “compiace”, la tua somiglianza con Lui così da essere anche tu “consolazione, compiacimento” del Padre. È  proprio Gesù il nostro modello, è a Lui che dobbiamo guardare per vivere fino in fondo la nostra vocazione ad essere figli di Dio. Allora, che cosa fa piacere al Padre? Certamente il fare la sua volontà, “adempiere ogni giustizia”, ma qual è la sua volontà? Amare Dio e amare i fratelli, vivere la misericordia di cui ci parla la prima lettura del Profeta Isaia, portare la gioia, la pace, la giustizia, distruggere tutti i muri di separazione tra gli uomini, stare dalla parte dei poveri, dei lontani, dei peccatori, per portare loro la buona notizia di un Dio che ci ama ed edificare un tempio santo e diventare dimora di Dio:  questo è quello che piace al Padre. E allora mi domando, mi comporto così, da Figlio? Sono capace di condividere i problemi, i dolori, le solitudini di chi mi sta intorno o penso solo a me stesso, ai miei problemi, alle mie ansie… Sono capace di portare gioia, serenità, pace, giustizia intorno a me o sono invece causa di sofferenza, di divisione, di ingiustizie… Di chi sono figlio? Di Dio, del mio egoismo o del Maligno? Ricorda che un giorno con il Battesimo ti è stata data la forza e la potenza dello Spirito di Cristo, sta a te lasciarti guidare dallo Spirito e anche se qualche volta lo hai dimenticato, questa forza non viene meno, hai sempre la possibilità di fare ritorno, ogni giorno, alla casa del Padre. La confessione è uno strumento indispensabile nel nostro cammino di figli … troppe volte … prodighi. Proprio con la confessione rinnoviamo ogni volta la Grazia del Battesimo e l’immagine del Figlio. Perché allora non dare una bella soddisfazione al Padre e fargli piacere, in fondo Lui non aspetta altro che il momento per dirti con gioia “ecco il mio figlio nel quale mi sono compiaciuto!” Facciamolo contento allora, comportiamoci da figli! E naturalmente chiediamo ancora una volta l’aiuto a Gesù…

Don Mario

Invito a nozze

Il Vangelo di Domenica che ci ha presentato il primo “segno” di Gesù alle nozze di Cana. È un episodio molto ricco di spunti per riflettere ma tutto parte da una frase iniziale che dà senso a tutto il resto: “Fu invitato… anche Gesù”. Se non ci fosse stato Gesù alle nozze, sarebbe finito tutto molto male, gli invitati si sarebbero lamentati, lo sposo avrebbe fatto una brutta figura, se la sarebbe presa con il maestro di tavola, il quale avrebbe dato la colpa ai servi …. Come sempre, in tutte le vicende umane, quando succede qualcosa nessuno è capace di assumersi la propria  responsabilità e così si scaricano sugli altri le colpe e tutto finisce in grandi litigi…. A un certo punto si sarebbero messi a litigare anche i novelli sposi dandosi la colpa a vicenda o magari ributtandola sui suoceri….. Meno male che avevano invitato Gesù e…  sua madre Maria! Non è che forse tante cose vanno male nella tua vita e nella tua giornata perché ti sei dimenticato di invitare Gesù e Maria? Certo, non basta invitarli per preservarci da ogni male, anche in quella festa di nozze è mancato il vino e subito è iniziata la crisi e lo sconforto. Gesù non ci preserva dal male, dalla fatica o dal dolore che fanno parte della nostra vicenda umana, Lui però ci salva, ci ridona la gioia e la serenità anche nei momenti difficili della vita, proprio come a Cana. Cosa dobbiamo fare allora? Innanzitutto ricordarci di invitare Gesù in qualunque impresa stiamo per compiere, a cominciare dalla giornata che abbiamo davanti. Ogni mattina, appena svegli, mandiamo un messaggio a Gesù e alla sua Mamma, chiediamogli di partecipare con noi a tutto quanto ci capiterà nella giornata! Ma poi, soprattutto ascoltiamo il suggerimento di Maria a Cana, “facciamo tutto quello che Lui ci dice”, così, se gli faremo posto nella nostra vita, Lui non ci farà mai mancare il “vino buono” che dà gioia ed è fonte di amicizia e comunione. È vero, come per gli invitati a nozze, ci “costa” qualcosa la sua Presenza, come ti è costato oggi venire qui in chiesa, ma come per gli invitati è un costo che è pienamente ricompensato dalla gioia che ci dà il suo essere accanto a me. Ricordati sempre di invitare Gesù e Maria, di fargli un po’ di posto nella tua giornata, nel tuo cuore, nelle tue attività (nel gioco, nel lavoro, nello studio…), ma anche nella tua casa (abbiamo l’”angolo cottura”, il posto per la megaTv, la poltrona per il riposino… perché non creare anche in casa un angolo per la preghiera dove invitare Gesù e Maria?) Per l’invito, non preoccuparti della bomboniera o dei confetti, basta un pensiero e vedrai che la tua vita sarà sempre piena di serenità e di gioia.

don Mario

Anche senza le primarie

Ieri abbiamo celebrato la Festa della Famiglia e oggi, davanti al ss. Sacramento dell’Eucaristia, vogliamo continuare la nostra riflessione su questa realtà meravigliosa che è la famiglia. Se siamo qui è proprio perché abbiamo avuto una famiglia che ci ha donato la vita e il Battesimo e di questo dobbiamo prima di tutto dire Grazie al Signore. Ma di quante cose che abbiamo ricevuto dai nostri genitori dobbiamo ringraziare il Signore? Forse non per tutti la famiglia è sempre fonte di gioia, alcuni magari hanno sofferto o stanno soffrendo proprio per problemi di famiglia perché purtroppo il peccato si fa sempre presente nella nostra vita. È questo allora un motivo in più per fermarsi a pregare, pesando a tanti ragazzi che soffrono, a tante famiglie distrutte dall’egoismo, provate dalla difficile situazione economica, dal dolore e dalla malattia: chiediamo al Signore che aiuti le nostre famiglie a diventare luoghi di amore vero, di rispetto reciproco, di attenzione ai più piccoli e non ai propri interessi. Il Vangelo di ieri ci ha ricordato alcuni punti fondamentali perché una famiglia possa vivere bene nella gioia, nell’amore e nella serenità e cioè:

  • La ricerca della volontà di Dio e cioè ricordarsi che al centro della nostra famiglia deve esserci sempre il Signore e quindi la preghiera, la Messa della domenica, la carità verso chi ha bisogno e magari qualche bel momento di silenzio e di adorazione….
  • Saper riconoscere che i figli non sono un diritto o una proprietà dei genitori ma sono un dono di Dio, sua proprietà, e che quindi noi li abbiamo in “affido” e perciò dobbiamo rendere conto al Padre.
  • Il rispetto (e la sottomissione, come Gesù) verso i genitori che ci hanno trasmesso la vita e sono immagine di Dio creatore e padre …

Se la famiglia come dice il Concilio è una “piccola Chiesa domestica” allora, come ogni chiesa si distingue dalle altre perché ha un patrono, così sarebbe bello che ogni famiglia volendo eleggesse (anche senza fare le … primarie) un suo santo patrono particolare.   Quale potrebbe essere il patrono della tua famiglia? Un santo di cui conoscete bene la storia, un santo che la tua famiglia potrebbe rendere visibile con il suo modo di essere e di vivere? Potresti partire magari da un tratto che caratterizza la tua famiglia, per esempio l’unità, la simpatia, l’accoglienza, la sobrietà, la ricchezza di doni, la testimonianza, la fecondità, l’affettuosità, la passione per la musica… e potresti trovare un santo che ha vissuto profondamente questo carisma. Parlane con Gesù e poi magari parlane con i tuoi, potrebbe essere un modo per riflettere insieme sul progetto che Dio ha in mente per la tua famiglia e così fare il punto sul vostro cammino di crescita.

Don Mario

Accidenti presentazione di Gesù al templio

Ieri abbiamo celebrato con solennità la Festa della Vita e abbiamo ricordato insieme ai bambini battezzati lo scorso anno e alle loro famiglie che la vita è dono di Dio e noi siamo solo amministratori di questo prezioso dono. Ieri era anche la festa della Presentazione di Gesù al Tempio e quindi anche della vita consacrata che ci ha ricordato che ciascuno di noi deve fare della sua vita un dono a Dio e ai fratelli: siamo chiamati anche noi a consacrare la nostra vita, renderla sacra! Oggi qui davanti al Signore Gesù che si dona a noi con il suo Corpo, siamo chiamati a rinnovare la nostra consacrazione iniziata con il Battesimo e confermata con la Cresima e siamo invitati a mettere davanti a Lui la vita che ci ha donato. È molto più facile invece, che la nostra vita ce la teniamo da conto, solo per noi: molte volte ci chiudiamo agli altri e a Dio e pensiamo che sia nostra esclusiva proprietà, quante volte “consacriamo” a tutt’altro, gli affari, i soldi, la salute, i propri interessi, la TV (quanta “vita” perdiamo a seguire certe trasmissioni!), … Oggi, prendiamoci in mano, offriamo a Lui i nostri pensieri, il nostro cuore, i nostri affetti, le nostre capacità, il nostro tempo, mettiamoli davanti a Lui e come segno di questo nostro desiderio di consacrazione, magari possiamo accendere un lumino (è anche la festa della “candelora”), simbolo della nostra vita che poco alla volta si consuma e che nello stesso tempo fa luce tutt’intorno con le buone opere. Come la luce di quel lumino, molte volte anche la nostra vita traballa, tentenna, sembra una cosa da nulla ma se la offriamo a Lui, se ci lasciamo consumare dal suo amore e dal suo calore allora saremo luce per tutti i nostri fratelli e ricordiamoci bene che basta un lumino per sconfiggere il buio. Accendi allora la tua vita e uscendo di Chiesa porta la luce di Cristo nel mondo, il Signore sarà con te in questo cammino, ricordati che solo “chi perde la sua vita la ritroverà” ….

Don Mario

E’ sempre puntuale

Due giorni di cammino ha fatto il funzionario del Re del Vangelo di ieri, uno per andare da Gesù, uno per tornare a casa, e tutto questo perché? Perché suo figlio stava per morire, aveva bisogno che Gesù scendesse…. anche noi oggi abbiamo fatto un cammino per venire fin qui, non è durato certamente due giorni ma siamo qui davanti al Signore presente nel “segno” dell’Eucaristia per aprire il nostro cuore, e certamente abbiamo anche noi bisogno di Lui, gli chiediamo di “scendere” a visitarci, a portare Vita. Ci siamo messi in cammino perché ci fidiamo della sua Parola che è fonte della vita e ritornando al Vangelo di ieri, ci accorgiamo che è bastata una Parola, con una Parola infatti Gesù ha detto al funzionario di tornare a casa perché suo figlio era vivo. Chissà cosa sarà passato nella testa di quel padre mentre tornava a casa dal suo figlio che aveva lasciato moribondo! Così anche per noi, nel cammino della vita: tanti sono i dubbi, le domande, le stanchezze, le richieste, le speranze che in ogni momento sorgono e si accavallano nella nostra mente e nel nostro cuore, eppure continuiamo a camminare, riprendiamo ogni giorno la nostra strada e più andiamo avanti sulla sua Parola, più incontriamo chi ci conferma della presenza reale e provvidente del nostro Dio. Anche noi, se abbiamo occhi per vedere, possiamo constatare ogni giorno che il Signore c’è e ci vuole bene. Noi vorremmo prima vedere e poi credere ma la logica della fede è proprio inversa. Se credi, vedi! Quanti anche oggi cercano disperatamente dei “segni”, rincorrono le più disparate notizie di prodigi, di miracoli, di rivelazioni ma eccolo davanti a te il “segno” più grande e più bello: Gesù che si dona nell’Eucaristia, fonte di vita eterna. Ma sarà proprio vero che basta una Sua Parola? Il funzionario vuol sapere l’ora esatta in cui il figlio è guarito e constata che è proprio nell’ora in cui Gesù ha pronunciato la Parola.  Dio è sempre puntuale! Si fa tempo per incontrarci. Proprio come adesso, in quest’ora! Quell’Ora a cui però allude il Vangelo è l’ora della croce, l’ora alla quale il vangelo di Giovanni rimanda come punto di arrivo di tutta la vita e la missione di Gesù. Ed ecco: l’Eucaristia, la fonte della vita, il dono di quell’Ora è qui di fronte a te. Parla con il Signore di tutto ciò che pesa sul tuo cuore, apriti all’ascolto della sua Parola e chiedi il miracolo più grande, quello della fede. Allora, dopo averlo ascoltato, anche oggi potrai continuare il tuo cammino, ritornare come il padre di ieri, nella tua casa, guardare con occhi diversi i tuoi famigliari, riscoprire la gioia della loro presenza, della loro vita accanto alla tua come un dono del Signore, come un “segno” del suo amore e insieme rendere grazie a Dio e rinnovare la tua  fede in Lui.

Don Mario

Mani bucate

Come allora, nella sinagoga, anche ora, qui, c’è Gesù e ci sei anche tu, con tutta la tua umanità, con tutte le tue domande, con tutte le tue insicurezze, ma anche con tutta la tua capacità di guardare a Lui e di metterti in ascolto. E anche oggi Gesù, che per primo ha steso le sue mani e le sue braccia sulla croce, dice a ciascuno di noi e anche a te: “Tendi la tua mano”, Tendi la tua mano perché forse, non te ne sei accorto ma anche tu, come quel’uomo del Vangelo di ieri, sei un po’ ingessato, impedito… Tendi la tua mano, vuol dire non lasciarti paralizzare dal crederti già santo, dal sentirti a posto solo perché sei qui in chiesa davanti a Lui e quindi pensi di fare già tutto ciò che devi. Tendi la tua mano perché qualcuno attorno a te ha bisogno di te, ha bisogno una mano, la tua. Tendi la tua mano anche se ti costa fatica, anche se tante volte, “se dai una mano … ti prendono anche il braccio…” Tendi la tua mano perché altrimenti la tua vita diventa brutta, senza senso, paralizzata, monca. Quell’uomo del Vangelo di ieri, non chiede nulla a Gesù, ma viene guarito da Gesù che con questo miracolo, vuole dimostrare a tutti coloro che vivevano legati all’osservanza formale e arida delle leggi, che la cosa più importante è fare il bene e che non può esserci nessun comandamento o legge che vada contro alla vita dell’uomo. Quante volte invece anche noi abbiamo ridotto la nostra fede a qualcosa di arido, di formale, a un ordine da eseguire o un precetto da rispettare esaurendo così tutto il nostro impegno di vita. Questo momento di silenzio e di preghiera davanti a Gesù deve essere espressione di un amore vero e di una sincera amicizia nei suoi confronti. Il calore del suo sguardo, deve trasformare la nostra vita, sciogliere le nostre aridità. Mi metto così davanti a Lui con tutte le mie paralisi, con i miei impedimenti e pigrizie e gli chiedo di guarirmi, di aiutarmi a stendere la mia mano e far diventare la mia fede qualcosa di visibile, di concreto e di attivo. Quando un giorno saremo davanti al Signore non importa se le nostre mani saranno pulite perché le avremo tenute in tasca! Stendi allora le tue mani pronto innanzitutto ad accogliere i doni che il Signore ogni giorno ti da ma anche a porgere gli stessi doni ai tuoi fratelli che il Signore mette sul tuo cammino. E non aver paura di avere le mani … bucate, Lui per primo ci ha dato l’esempio!

Don Mario

Ultimo aggiornamento ( Domenica 16 Febbraio 2014 11:25 )

Ho scritto t’ amo sulla sabbia

Non è il titolo di una canzone famosa anni ’60, che ha partecipato a San Remo…. Ma è quello che è successo un giorno e che il vangelo di ieri ci ha riportato! Ieri abbiamo ascoltato, infatti, il racconto di quando Gesù un giorno scrisse sulla sabbia il suo amore per te. “Si mise a scrivere col dito per terra…” Di fronte agli scribi e ai farisei che avevano in mente progetti di morte nei confronti di Gesù e della donna peccatrice, Gesù disegna sulla sabbia progetti di Vita e di amore. Anche tu oggi mettiti qui di fronte al Signore, come la peccatrice, metti la tua vita nelle sue mani. Come un giorno il Padre con le sue mani, con il suo dito, plasmò l’uomo dalla terra, (pensa all’immagine della Cappella Sistina), così Gesù fa con te, con ciascuno di noi. Come un giorno dalla polvere del suolo creò il primo essere vivente, così ogni volta che noi ci presentiamo davanti a Lui con la nostra miseria e chiediamo perdono, il Signore ci ricrea. Lui disegna per te un futuro, scrive per te una vita nuova se tu ti metterai con fiducia, con umiltà e disponibilità nelle sue mani. Non pensare più al tuo peccato, il tuo passato il Signore lo dimentica, vuol fare con te una “cosa nuova”: questo è il frutto dell’incontro tra la misericordia di Dio e la tua conversione. Il Signore ti chiede solo di amarlo così come sei, con il tuo limite e la tua povera umanità, di abbandonare tutti gli altri “amori” della tua vita e di donarti a Lui. “Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo” In questo momento in cui ti trovi come la peccatrice del Vangelo solo con Gesù, lascia che disegni sulla polvere della tua vita, guarda con fiducia il tuo futuro, accogli la tua vita dalle sue mani come un dono e poi “và e d’ora in poi non peccare più.” In silenzio, guarda Gesù, che scrive e disegna e ringrazialo del suo amore misericordioso e della fiducia che ha in te…. Ancora una volta da questa Parola di Dio ci viene con amore l’invito a fidarci della sua infinita e paziente misericordia e ad accostarci al suo amore che perdona con il sacramento della Confessione. Solo così la nostra vita sarà nuova.

Don Mario